Roma, 17 Luglio 2000

Tutto gratis il futuro di Internet

Per approfondire queste tematiche nella nostra biblioteca digitale vai a:

Internet: passato, presente e futuro
Ambiente e salute
Problemi legislativi e normativi

 

Tutto gratis il futuro di Internet

Per Renato Soru, il creatore di Tiscali, in futuro i contenuti di Internet saranno completamente a disposizione dei navigatori. Gratis. A suo giudizio un ritorno finanziario arrivera', semmai, dalla pubblicita', secondo l'ormai collaudato meccanismo alla base dell'economia delle televisioni commerciali. Secondo gli esperti nonche' gli operatori del settore, in previsione, la pubblicita' su Internet potra' persino erodere fette di mercato ai media tradizionali. Intervistato da Affari & Finanza di Repubblica Soru confida nella diffusione di Internet, complice una migliore velocita' e dunque una piu' ampia disponibilita' dei dati alla popolazione italiana. "io credo che Internet sia destinato ad avere la stessa sorte del telefono o del televisore. Tutti vorranno e dovranno averlo. () Ognuno di noi potra' vedere un filmato, delle fotografie, dei telegiornali () con programmi che possono consentire all'utente di interagire. Tutto questo ed altro ancora e' alla portata dell'Internet di domani." Inoltre, sempre secondo Soru, tale rivoluzione sara' resa possibile dal momento che il vero valore del Web risiede nell'attenzione e nel tempo di chi sta davanti allo schermo. Vendere questo tempo e questa attenzione produce una maggiore possibilita' di inserire pubblicita' finanziando e sostenendo cosi' i siti insieme alla nuova economia del futuro.

Nuovi suffissi per i siti Internet

I vecchi suffissi come org, net, com, non bastano piu' nel sovraffollato mondo del web. L'intasamento nella Rete dipende infatti non tanto dal numero esorbitante di siti e di indirizzi che ogni giorno appaiono sul Internet quanto dal fatto che i nomi guida, contraddistinti dai suffissi di categoria, sono troppi e raggruppati in pochissime categorie. Una segnaletica nuova diventa dunque necessaria per orientare nella maniera migliore i naviganti. Nel summit di Yokohama, avvenuto pochi giorni fa in Giappone, i "legislatori della Rete", hanno percio' deciso di creare nuovi nomi guida e la Icann, l'organizzazione che assegna e governa nomi e numeri su Internet ha stabilito un calendario per l'introduzione dei nuovi suffissi. Repubblica riporta che dall'autunno si dara' l'avvio all'introduzione delle nuove diciture che dovranno guidare i cyber nauti nel prossimo futuro, con buona pace del mercato e, si spera, dei naviganti.

Rete e sanita'. Nuovi progetti di ricerca sul Web

La 'Tecnofarmaci', societa' per lo sviluppo della ricerca farmaceutica, ha deciso di creare il primo strumento concreto di Technology Transfer, all'indirizzo Sportellodelleidee, perlanciare progetti di ricerca e svilupo in tutti i settori decisivi per la salute. Per evitare la fuga di cervelli all'estero, in luoghi piu' disponibili ad accogliere le nuove leve e a finanziare idee che possono rivelarsi utili in campo medico e scientifico i ministri dell'industria, ricerca e universita' si dicono pronti a moltiplicare gli sforzi finanziari per aumentare gli investimenti nella ricerca. Ma, intanto, la 'Tecnofarmaci', in collaborazione con L'Universita' Tor Vergata di Roma, ha ultimato la realizzazione di un sito dove, finalmente, tutti i ricercatori universitari potranno depositare i loro progetti in materia di salute. In testa, come riportato dal Sole 24 Ore, progetti di biomedica, cosmetica, farmaceutica, agroalimentare. Nella Rete, per ragioni di brevetto, transiteranno, per il momento, solo 'abstract' delle proposte. Sara' compito della societa' quello di passare al vaglio della critica e dell'analisi degli esperti i progetti che di volta in volta verranno presentati e, se giudicati validi, passare ad un ulteriore approfondimento con gli autori dei progetti. Negli angusti spazi che finora sono stati riservati alla ricerca scientifica "lo sportello delle idee" e' destinato ad essere, si spera, un orizzonte aperto alle proposte della scienza e delle nuove tecnologie.

 

Avvocati. Consulenze online

Anche in Italia cominciano a prendere piede i siti di studi legali, come riporta Affari & Finanza della Repubblica. La maggior parte degli studi legali in Italia usa il sito come vetrina per dare informazioni sullo studio e ancora pochi danno vere e proprie consulenze online. Mentre gli ordini stanno attualmente discutendo la possibilita' di dare consulenze online, gia' adesso, semplicemente registrandosi e ottenendo la propria password, si possono avere pareri legali all'indirizzo Servizilegali, intanto, sul rapporto tra avvocati e possibilita' di consulenze informatiche, e' in corso un censimento a cura del circolo dei giuristi telematici, che fara' capire presto quali sono i limiti e le concrete possibilita' di applicazione giuridica in Rete.