Roma, 18 Maggio 2001
Ore 17:30
stampa
chiudi

Filippine: l’opposizione chiede l’incriminazione per mancata modernizzazione

Luzviminda Tangcangco, presidente del Comitato per la modernizzazione della Commissione elettorale (Comelec) delle Filippine per nomina dell’ex capo dello Stato Joseph Estrada, rischia l’impeachment per violazione dell’articolo 8436 del Republic Act sull’introduzione di una nuova legge elettorale e l’impiego, nelle votazioni di quest’anno, dei sistemi informatici. A muovere l’accusa, in seguito alla lentezza dello scrutino dello scorso 14 maggio, Ŕ il Namfrel, National movement for free elections. Tangcangco ha detto in sua difesa di condividere la necessitÓ di automatizzare le operazioni di voto ma di non aver potuto disporre di adeguati finanziamenti. In particolare la polemica riguarda la mancata introduzione del sistema di spoglio elettronico Voters' registration identification system (Vris) il cui impiego nella regione autonoma di Mindanao dal 1997 si Ŕ rivelato di grande utilitÓ. (gar)