Roma, 15 Maggio 2001
Ore 17:30
stampa
chiudi

Pesce preistorico nella rete

Si pensava che il celacanto, un pesce che risale a 400 milioni di anni fa, fosse ormai estinto invece è ancora vivo e lo si può osservare sul web. Una squadra di subacquei sudafricani ne ha trovato un esemplare adulto lungo più di un metro nelle profonde acque di Sodwana Bay, al largo della costa nordorientale del paese, e lo ha ripreso per giorni, quindi ha inviato le immagini al sito World-stream. La spedizione, guidata da Pieter Venter, ha un grande valore scientifico ed è stata lunga e difficile. I sub, infatti, non possono rimanere immersi sotto i cento metri per più di dodici minuti perché il tempo di risalita è molto lungo: quasi due ore a causa delle soste necessarie per la decompressione. Per mesi il gruppo ha cercato l’animale, che non veniva avvistato nei mari sudafricani dal 1938 quando uno, capitato per caso nelle reti di un peschereccio, venne riconosciuto dalla comunità scientifica e considerato una delle più importanti scoperte zoologiche del secolo. Recentemente ci sono stati altri ritrovamenti in Indonesia e nelle Isole Comore ma questa è la prima volta che il pesce viene osservato nel suo ambiente naturale. Grazie ai filmati si potrà distinguere un individuo dall’altro e comprendere se esiste una colonia autonoma o se, invece, si tratta di soggetti provenienti dalle Comore. Il biglietto per vedere il celacanto costa dieci dollari e servirà a finanziare i progetti di studio e di conservazione della rarissima specie. (gar)