Roma, 27 Aprile 2001
Ore 14:45
stampa
chiudi

Computer autosufficienti dall'Ibm

La Ibm ha annunciato ieri il piano, definito “Progetto Eliza”, di investire miliardi di dollari nei prossimi anni, nello sforzo di costruire computer e prodotti per la rete in grado di cambiare i carichi di lavoro, riconoscere i guasti e ripararli, senza alcun intervento umano. Molti degli investimenti progettati sono giÓ in via di realizzazione. La Ibm nonm Ŕ nuova a questa sorta di imprese, basti pensare alla costruzione di Deep Blue, il supercomputer che nel 1997 sconfisse Garry Kasparov, il campione internazionale di scacchi. (Wam)