Roma, 18 Aprile 2001
Ore 17:12
stampa
chiudi

Gran Bretagna: poliziotti speciali contro il cybercrimine

La Gran Bretagna ha appena creato un nuovo corpo di polizia per combattere il cybercrimine. L’UnitÓ nazionale crimine tecnologico (National Hi-Tech Crime Unit, Nhtcu), lanciata dal ministro dell’Interno Jack Straw, sarÓ responsabile di fermare la continua crescita di criminali che lavorano nel cyberspazio, dalle bande che usano il computer per commettere delle frodi, ai pedofili che si scambiano immagini oscene in Rete, a hacker che mettono a punto virus in grado di distruggere sistemi in giro per il mondo. Inizialmente faranno parte di questa unitÓ 40 poliziotti specificamente formati che agiranno da una base segreta di Londra, ma il progetto prevede che in futuro ogni stazione di polizia del Regno Unito avrÓ il suo cyberpoliziotto. Straw ha chiarito alla Bbc news che tutto ci˛ che Ŕ criminale off-line, lo Ŕ anche online e ha precisato che le tecniche di investigazione dovranno stare al passo con i cambiamenti nella tecnologia. Intanto le associazioni per le libertÓ civili temono che i poteri di questo corpo possano espandersi in maniera incontrollata. (Wam)