Roma, 2 Aprile 2001
Ore 16:35
stampa
chiudi

L’Arabia Saudita mette al bando i Pokemon

L’Arabia Saudita ha messo al bando i Pokemon con la motivazione che essi incentivano il gioco d’azzardo e diffondono insegnamenti contrari all’Islam. Lo ha annunciato il ministro del Commercio, spiegando che la decisione Ŕ in linea con un recente editto dell’autoritÓ islamica nazionale che considera la collezione, lo scambio e il commercio delle carte dei Pokemon una forma di azzardo. La serie, inoltre, contraddice la dottrina musulmana promuovendo la teoria evoluzionistica di Darwin e mostrando croci cristiane, stelle di David e simboli dello scintoismo giapponese. I Pocket monsters creati da Nintendo cinque anni fa e amati dai bambini di tutto il mondo sono diventati un vero e proprio fenomeno di costume: in origine erano personaggi di un videogioco, poi sono divenuti protagonisti di film, libri, giochi di carte e fumetti e le loro immagini sono state stampate su abiti e accessori. (gar)