Roma, 8 Marzo 2001
Ore 13:42
stampa
chiudi

La salute viaggia in Rete

Oltre 4 milioni di italiani cercano su Internet informazioni relative alla salute, quasi altrettanti sono i Telespettatori delle sei principali trasmissioni televisive di medicina, e più di un milione sono i lettori di periodici che trattano quest’argomento. Il Forum per la Ricerca Biomedica e il Censis hanno realizzato una indagine: cresce anche la fiducia in Internet, il cui uso da parte dei pazienti è giudicato positivamente dal 60,2 per cento degli intervistati (quasi il 75 per cento tra i più giovani), perché accresce la cultura scientifica, mentre il 72,9 per cento (l'84 per cento tra i più giovani) ne valuta positivamente l'uso da parte dei medici, perché consente l'aggiornamento in tempo reale. Il 50,2 per cento degli italiani ritiene che attualmente la medicina sia in grado di migliorare le condizioni di vita, ma il 62,1 per cento ritiene che per il futuro debba sempre più garantire la prevenzione delle malattie. A tal fine un contributo fondamentale potrebbe arrivare dalle biotecnologie che, per il 62,1 per cento degli intervistati possono già oggi contribuire a scoprire nuove terapie per la cura di malattie gravi. Il 55,2 per cento ritiene che la ricerca biotech terminerà con lo sconfiggere le malattie genetiche e altre malattie gravi. Solo il 10 per cento circa teme un uso distorto del biotech in campo medico e, quindi, nuove discriminazioni sociali. 06.03 (Lt) (Lt)