MediaMente.agorÓ

 


Rai Educational
02/06/99

Internet come foro pubblico mondiale

 

Puntata integrale in formato Real Audio Clicca qui per scaricare Real Player

L'immagine di un satellite che ruota attorno alla terra Ŕ, forse, l'immagine di visualizzazione pi¨ efficace del concetto di tecnologia globale e di globalizzazione. La globalizzazione, infatti, Ŕ solitamente intesa come connessione di tutte le parti del pianeta. Una connessione di natura anzitutto tecnica, fatta di satelliti e reti terrestri, e poi di natura economica, fatta di mercati mondiali, che superano ogni confine geografico.

Eppure c'Ŕ chi pensa che debba, invece, essere sottolineato un altro aspetto del fenomeno globalizzazione: la sua dimensione sociale e politica. Philippe Queau, direttore della divisione informazione e informatica presso l'Unesco, parla per esempio di un 'foro pubblico mondiale', auspicabile e realizzabile proprio attraverso le nuove tecnologie potenzialmente globali.

Philippe Queau"Una delle questioni politiche e sociologiche fondamentali che dobbiamo porci Ŕ in che modo far emergere un Foro pubblico mondiale, capace di incarnare l'interesse generale, per mezzo di una tecnica che essa stessa Ŕ potenzialmente mondiale. Il grosso rischio Ŕ invece di vedersi moltiplicare, come avviene oggi, i ghetti intellettuali, che contribuiranno all'implosione del senso dell'interesse generale mondiale, il quale, di per sÚ, non Ŕ presente fisicamente in alcun luogo. Questa, credo, Ŕ una questione fondamentale per il futuro: in che modo utilizzare certe tecnologie di "mediatizzazione" mondiale al servizio dell'interesse collettivo dell'umanitÓ. Si sa come usarle al servizio dell'interesse particolare di determinati gruppi d'influenza, come ad esempio per la speculazione finanziaria, per la soluzione di crisi militari, per lo sviluppo di certe professioni specializzate. Ma questi gruppi particolari non rappresentano necessariamente, mi pare, il pi¨ grande interesse di tutti, ossia quella cosa pubblica mondiale che rimane ancora da edificare".

E tra le "tecnologie di mediatizzazione mondiale", come le ha appena definite Queau, Ŕ inclusa la Rete Internet. Eppure Queau non condivide le speranze che i pi¨ ottimisti ripongono su questo mezzo per realizzare l'interesse collettivo dell'umanitÓ.

"Ora, Internet Ŕ un mezzo eccellente per assumere informazioni sullo stato del mondo, ma non Ŕ un mezzo politico come non Ŕ neppure uno strumento di discussione politica, e soprattutto di sviluppo di una coscienza dell'azione politica e sociale. Credo che il prossimo obiettivo debba essere la creazione di condizioni che permettano l'emergere di una volontÓ politica mondiale. Internet pu˛ essere uno dei mezzi impiegati a tal fine, ma di per sÚ non Ŕ il pi¨ adatto, piuttosto il contrario. Internet favorisce troppo meccanismi di astrazione ritagliati sulla diversitÓ dell'esistente; Ŕ uno strumento eccellente per affrontare certi tipi di problemi, ma non tutti. L'idea di Teillhard de Chardin era fondata sulla nozione di alteritÓ: diceva che il progresso di una civiltÓ non si misura con l'alta capacitÓ di astrazione o l'efficacia dei mezzi di rappresentazione, come l'Internet di oggi, ma con l'importanza assunta dall'altro, con la capacitÓ di integrare la differenza e l'alteritÓ. Internet, in effetti, non Ŕ propriamente uno strumento di integrazione dell'alteritÓ, ma piuttosto di omologazione, di standardizzazione".




 

Indice puntate

Indietro

Homepage

Torna a inizio pagina