Lunedi' 26 marzo 2001


E' giusto sviluppare la ricerca per la clonazione umana?
di Franco "Bifo" Berardi

Partecipa alla discussione

Leggi Scrivi


Per approfondire:

Che cos'Ŕ la clonazione?

di Sabina Morandi

Clonare è o non clonare? Questo è il problema

L'ingegneria genetica: un connubio di cattiva scienza e grande business

Quasi come voi: storia di una "creatura" geneticamente costruita

Clonazione umana: la normativa nel mondo


Mappa Interattiva

 




brainworkers united

quel che racconta giovanni Ŕ molto interessante e del tutto giusto. Ŕ vero che all'interno della categoria dei brainworkers esistono posizioni che hanno reso possibile una diversificazione salariale e normativa spesso ingiustificata e controproducente per i lavoratori. ma quando riusciamo a capire questo non Ŕ il momento di fare recriminazioni, ma Ŕ il momento di cercare una possibile unitÓ dei lavoratori cognitivi di vario genere. il terminalista che sta otto ore davanti allo schermo a immettere dati, e il programmatore che lavora per un'azienda new economy appartengono alla stesso ciclo di elaborazione produttiva delle informazioni. Un ciclo che produce valore in maniere diverse ma unificate. Occorre cercare una possibile unitÓ politica sindacale e anche culturale di tutto il ciclo del lavoro mentale, non contrapporre una posizione all'altra. ciao

eventi@iav.it