Torna alla biblioteca

id=69
    Marcello Carlino

    Biografia

    ╚ nato nel 1949. Ricercatore presso il Dipartimento di Italianistica e Spettacolo dell'UniversitÓ "La Sapienza" di Roma, si occupa di Letteratura italiana moderna e contemporanea ed attualmente insegna, in particolare, Teoria della letteratura. Nella sua formazione, e nella costruzione del suo metodo critico, hanno avuto speciale rilievo le posizioni teoriche di Galvano della Volpe e quelle di Walter Benjamin, alle quali ha dedicato alcuni studi comparsi su riviste o in libri collettivi.

    Da della Volpe ha desunto la nozione di polisenso, come astrazione determinata, strumento e funzione propria della specificitÓ e della politicitÓ del testo letterario; da Benjamin la nozione di allegoria, che ha tentato di rileggere in rapporto alla contemporaneitÓ (contrastando in ci˛ ogni banalizzazione postmoderna) e di rinvenire come orientamento di una scrittura alternativa (cosý in una Letteratura italiana del primo Novecento (1900-1915) , scritto in collaborazione con F. Muzzioli).

    Della Volpe e Benjamin sono, per altro, alla base della ipotesi di scrittura materialistica , che egli ha elaborato con il collettivo di "Quaderni di critica" (quella con il collettivo Ŕ stata ed Ŕ una parte fondamentale del suo lavoro) e che Ŕ il perno dei materiali di ricerca e di intervento sulla letteratura prodotti da quel gruppo: dal libro sulla neoavanguardia a quello su Gadda, dal libro sulle teorie letterarie della Scuola di Fancoforte a quelli su Volponi e Cacciatore.


    La benjaminiana politicizzazione dell'arte Ŕ la chiave che egli ha usato per percorrere a pi¨ riprese la storia del futurismo, della neoavanguardia, delle avanguardie di terza ondata ; e l'avanguardia, con lo sperimentalismo, configura il fronte di letteratura da lui pi¨ battuto: il dadaismo, il surrealismo, le forme di utopia nelle avanguardie storiche, l'avanguardia e la comunicazione, ma anche Gozzano, Palazzeschi, Campana, Rebora, Gadda, Savinio e Landolfi sono gli oggetti che egli ha trattato in saggi pi¨ o meno lunghi e in libri. E l'ultimo suo libro, appena pubblicato, Ŕ Landolfi e il fantastico , Lithos, Roma, 1998.